Link a FacebookLink a InstagramLink a TwitterLink a Youtube

Come avere un bambino durante la notte o il potere dell'idea giusta al momento giusto

Colloquio
2 Febbraio 2021

Dopo una conferenza stampa del governo tedesco il 13 marzoth, 2020, l'imprenditore berlinese Tonia Merz ha aperto il suo laptop. Nelle prossime settimane diventerà il volto più noto della scena tedesca dell'UBI. Si rende conto che le misure contro COVID-19 metteranno la maggior parte delle persone in difficoltà esistenziali. Pertanto ha avviato spontaneamente una petizione online chiedendo a Reddito di base di crisi di 6 mesi. Quasi 500,000 persone sono d'accordo con lei e firmano la petizione su change.org.

In un'intervista con Ubi4all, la stella cadente degli attivisti dell'UBI spiega come è successo tutto e cosa è riuscita a ottenere con la sua azione.

Qual è l'idea di un reddito di base incondizionato che ti convince di più?

Tonino: È la libertà individuale che ognuno otterrebbe per la propria vita. Io stesso vivo una vita libera come imprenditore e solo l'anno scorso mi sono reso conto che da tempo vivevo anche con un reddito quasi di base. Ho avviato un'attività con l'eredità di mia madre e mi sono fatto versare 1,000 euro per 30 mesi. Quindi quello era già un reddito di base. Sono molto sicuro che l'UBI sarà interessante anche per gli affari, perché molte persone ne farebbero qualcosa di molto produttivo.

Ma l'imprenditorialità è solo un aspetto dell'intera faccenda. C'è molto di più! Ad esempio, molte donne avrebbero i loro figli che ora non hanno se rimangono incinte inaspettatamente. Ci sono così tanti vantaggi. Penso che ci sia qualcosa di diverso per ogni persona.

Per me la libertà individuale, la sicurezza e la possibilità di plasmare la propria vita sono centrali.

Quali domande sul reddito di base rimangono senza risposta, su quali punti hai dubbi sul fatto che funzionerà?

Tonino: Devo dire che fino alla mia petizione ero "solo" un simpatizzante del reddito di base. Non ero un attivista e non ero così profondamente coinvolto nella questione, ma l'idea mi è sempre piaciuta. Negli ultimi sei mesi sono diventato più informato e ovviamente ci sono dettagli che devono essere considerati, ad esempio come può essere finanziato. Inoltre, non sarei d'accordo sul fatto che le persone che hanno versato la pensione per tutta la vita ora improvvisamente debbano ricevere meno o non debbano più ricevere la pensione. O la domanda: chi è considerato “tedesco” e chi ha diritto a ottenerlo? Si dovranno certamente fare alcune domande spiacevoli.

Come è nata la tua petizione? C'è stato un momento chiave che l'ha innescato?

Tonino: Di recente qualcuno mi ha detto: "Tonia ha avuto un bambino durante la notte". Ecco com'era. Il 13 marzoth, quando Scholz [Olaf; Vice Cancelliere tedesco e Ministro delle finanze] e Altmaier [Peter; Ministro federale tedesco dell'economia e dell'energia] tenuto la loro conferenza stampa, ho capito subito che tipo di onda di tsunami ci avrebbe travolti. Tuttavia, in quel momento non mi ero reso conto della dimensione completa. Sulla base delle cifre citate, era chiaro che non possiamo ancora comprendere appieno cosa questo significherà. Ho pensato a tutti i miei amici che sarebbero stati colpiti dalle misure contro il COVID-19 e ho avuto la sensazione che fosse necessario fare qualcosa in fretta. E poi ho avuto l'idea spontanea: abbiamo bisogno di un reddito di crisi sicuro ADESSO per tutti. Tre ore dopo avevo iniziato la petizione, a braccio, senza pensarci troppo.

Quindi, mi sono concentrato principalmente su un reddito di crisi, perché sapevo che le "verifica del bisogno" sarebbero diventate una delle sfide più grandi. Come imprenditore, sapevo che l'economia sarebbe crollata. Sarebbe il miglior stimolo economico di sempre se lo ricevessero anche le persone, che non ne hanno necessariamente bisogno. Dopo gli ultimi 10 mesi, sono convinto che un tale reddito di crisi sarebbe stato di gran lunga più facile del mosaico che si è verificato ora; dove Lufthansa e TUI hanno ottenuto grandi somme e la gente comune sta ancora aspettando supporto.

Io stesso sto lottando molto con queste applicazioni ponte 1, 2, 3, .... È davvero incredibile! I politici ci dicono sempre che c'è aiuto ovunque, ma è davvero difficile. Molti semplicemente non chiedono aiuto perché hanno la sensazione di avere già un piede in galera a causa di sovvenzioni fraudolente, soprattutto perché le condizioni vengono costantemente modificate in background.

Avevi mai lanciato una petizione prima? Sapevi come funziona?

Tonino: No, mai, è venuto spontaneo. Change.org era l'unica piattaforma che conoscevo e dove avevo anche firmato delle petizioni. Non sapevo affatto quale fosse la procedura normale, e nemmeno sapevo che la politica non deve occuparsi di una simile petizione.

Quasi 500,000 persone hanno firmato la petizione che hai avviato online. Non è significativo un tale numero, anche se i politici non devono prenderne formalmente atto?

Tonino: Beh, sono abbastanza arrabbiato che Hubertus Heil [Ministro federale tedesco del lavoro e degli affari sociali] non si è in alcun modo degnato di rispondere alle mie mail indirizzategli. So dall'ufficio stampa che i miei messaggi erano effettivamente sulla sua scrivania e in fase di elaborazione. I politici semplicemente non vogliono affrontare la questione.

Stavo anche pensando: "Ehi, ho mezzo milione di firme e voi ragazzi non state nemmeno inviando alle persone un segnale che vengono viste?" Mi ha veramente fatto incazzare!

Puoi spiegare perché queste 500,000 firme sono state ottenute così rapidamente? Susanne Wiest ha lanciato una petizione parlamentare e aveva circa 176,000 firme in ottobre, quando l'ha portata alla commissione per le petizioni del Bundestag tedesco. 

Tonino: Una spiegazione è certamente che queste "petizioni aperte", come change.org, sono semplicemente più facili da accedere per molte persone. Sono più facili da condividere sui social media, quindi diventano virali molto più velocemente. Il Bundestag [Parlamento tedesco] rende molto più complicato firmare, con registrazione e così via.

E poi ho avuto il pensiero giusto al momento giusto. Ovviamente avevo colpito nel segno quando le persone erano solo molto spaventate. Il testo della mia petizione aveva una struttura ampia. Ho incluso un bel po' di persone, dagli studenti ai pensionati, agli imprenditori e così via. Molte altre petizioni si sono specializzate in gruppi, come ad esempio gli artisti. Ho subito capito che ci saranno più persone in questo paese che saranno colpite rispetto a quelle che non saranno colpite dalla crisi. Penso che la mia petizione sia stata molto inclusiva e molte persone si sono sentite viste.

Hai anche avviato campagne parallele, chiesto supporto a persone famose? Avevi una strategia di accompagnamento o hai solo aspettato di vedere cosa sarebbe successo?

Tonino: Ho appena fatto clic su "vai" e la cosa è andata abbastanza rapidamente da sola. Tuttavia, sono anche un ottimo networker. Susanne Wiest ha iniziato la sua petizione, che era quasi identica nei contenuti, un giorno dopo la mia e quando è stata online, ho subito contattato Susanne: "Ciao Susanne, sono l'altra". Ho fatto lo stesso con Davide Erler, che ha avuto il grande petizione per operatori culturali. Nel suo aveva persino fatto riferimento al mio. Quindi, eravamo tutti sulla stessa barca in tempi relativamente brevi e abbiamo lavorato a stretto contatto. Non credo che questo sia così spesso il caso quando si tratta di cose del genere.

Naturalmente, Mein Grundeinkommen è stato coinvolto anche quasi dall'inizio. L'intera scena dell'UBI è stata contenta che un novellino come me sia apparso all'improvviso dal nulla. Non potevo essere accusato di cercare di far passare vecchi interessi approfittando di Corona. In qualità di imprenditore, ero anche credibile perché ho detto che questo era legato alla situazione di crisi e avevo ancora la scena del reddito di base alle mie spalle.

Cosa succede ora dopo la petizione accolta? Cosa ha ottenuto? Dove vuoi riprendere adesso e continuare a lavorare sulla questione?

Tonino: Negli ultimi mesi mi è stato difficile fare altro, perché dovevo anche occuparmi di salvare la mia azienda. Ho fatto tutto questo insieme alla mia vera attività e l'ultimo anno è stato piuttosto estenuante.

Ma ciò che ha sicuramente influenzato è che il reddito di base è diventato improvvisamente un argomento così vasto. Con buone ragioni posso affermare che la mia petizione e tutti i suoi firmatari hanno contribuito in modo significativo al fatto che i Verdi tedeschi includessero il reddito di base nella loro programma del partito. Ho davvero pensato: "Chaka!". È stato davvero un passo enorme!

Anche se la politica finge ancora di non vederci, credo che la petizione abbia avuto e abbia ancora un impatto. Il Petizione europea per UBI è emersa anche per il fatto che in diversi paesi europei l'intera questione del reddito di cittadinanza ha ricevuto un tale impulso durante la crisi. Soprattutto, perché ora anche persone che hanno affermato principalmente: "Perché dovremmo averne bisogno?" si sono resi conto che possiamo essere gettati in una situazione di emergenza in modo così inaspettato e senza alcuna colpa. Un reddito di cittadinanza darebbe più serenità, al singolo e all'intero Paese. Potremmo stare tutti a casa molto più rilassati, per esempio.

Perché hai limitato la tua richiesta di un reddito di base incondizionato a sei mesi invece che in modo permanente e quindi incondizionato e universale, come è l'idea di base di un UBI?

Tonino: Da un lato, perché la mia azione è stata effettivamente innescata dalla crisi e limitata a questa specifica situazione di COVID-19. Dall'altro perché la situazione all'inizio della crisi non sarebbe stata idonea a prendere una decisione di così vasta portata. Dobbiamo aspettare e vedere come sarà il nostro mondo dopo la crisi, quando le cose torneranno alla normalità. Ecco perché mi è stato chiaro che questo può essere fatto solo per un periodo di tempo limitato, per tutta la durata della crisi. Ma allo stesso tempo, ovviamente, la porta è poi spalancata per continuare in seguito. Penso che sarebbe stato anche il primo grande banco di prova per UBI, che ancora manca. Come ho scritto nel testo della mia petizione: non c'è occasione migliore!

Anche con un reddito da crisi, si può vedere quanto sia grande la resistenza dei politici, quindi una domanda illimitata per l'UBI avrebbe avuto ancora meno prospettive. 

Quando pensi che da qualche parte verrà introdotto un reddito di base reale e in quale paese potrebbe accadere per primo?

Tonino: Buona domanda! Vediamo come andranno le nostre elezioni il prossimo anno, chi le vincerà. (ride)

Ci sono solo due opzioni: uno dei paesi europei molto poveri o uno dei più ricchi. I molto ricchi perché possono permetterselo e i molto poveri perché ne hanno più bisogno e c'è una grande richiesta tra la popolazione. 

Continuerai a impegnarti per il reddito di base dopo che la crisi sarà finita o ti ritirerai dalla scena?

Tonino: In realtà, dovrei farlo, rimanendo attivo. Dovrei usare lo slancio e il pubblico che ho ottenuto per l'idea. Più ci penso e più mi occupo della questione dell'UBI, più ne sono convinto ovviamente!

Quindi sì, non appena avrò più tempo, mi coinvolgerò di più. Forse non nella misura in cui lo sono stato l'anno scorso.

Il tuo esempio mostra che puoi ottenere molto anche come individuo. Lamentarsi da soli non ci porterà da nessuna parte. Che consiglio hai per le persone che si sentono paralizzate e impotenti a causa della situazione COVID-19?

Tonino: Direi: fallo e basta! (ride)

Ci sono due tipi di reazioni delle persone in situazioni di crisi. Ci sono quelli che si imbattono immediatamente in modalità azione - ovviamente io sono uno di loro - che combattono subito l'insicurezza facendo qualcosa. Gli altri tengono la testa bassa o cadono in uno stato di shock da coniglio.

Tutto quello che posso dire alla gente è: "Provalo! Provalo su piccola scala e vedrai, farai la differenza".

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Siamo entusiasti che continuerai a essere con noi come attivista dell'UBI, Tonia! Grazie per questa intervista e per la tua frizzante energia!

Buona fortuna con i tuoi affari www.tomto.de - vi auguriamo di superare bene la crisi e di rafforzarvi!

Non solo la petizione di Tonia Merz può ancora essere firmata, ma anche il Iniziativa dei cittadini europei - la petizione ufficiale dell'UE per un UBI - ha bisogno della tua firma.

Se vuoi vincere un UBI per un anno, registrati su Ubi4all. Siamo anche molto contenti del tuo donazione, che renderà possibili lotterie.

Articolo di: Roswitha Minardi

Altri articoli